Quel filmato del '48 dell'Istituto Luce su Natuzza Evolo

Pubblicato da Andrea Satriani | Etichette: , , | Posted On mercoledì 4 novembre 2009 at 11:38 AM

Un film vecchio del 1948, uno spezzone in bianco e nero di pochi minuti di girato che si è rivelato di grande interesse storico e antropologico. I titoli di testa del vecchio documentario in bianco e nero aprono con il cappello che pone una domanda precisa: "Fenomeni soprannaturali?", poi segue il titolo: "Col sangue la donna di Paravati disegna".

Segue il nome della rubrica "la settimana INCOM", l'informazione, di quel lontano venti febbraio del 1948, veniva proiettata nelle sale cinematografiche. Ed ècco il testo del breve reportage dalla Calabria:- "Paravati, è una frazione di Mileto, in Calabria, a tredici chilometri da Vibo Valentia. Camminando per queste strade, anni fa, per la prima volta il piede di Natuzza Evolo sudò sangue. Il parroco preferirebbe non parlare della prodigiosa pecorella del suo gregge. Nostra intervista - Ecco la casa, Natuzza racconta: ha ventiquattro anni, è sposata con un falegname, non ha conosciuto il padre morto in America, lontano dalla madre perché non era buona. Dal giorno che sulla sua pelle senza ferite comparve il primo sangue, quanti fazzoletti disegnati spontaneamente in figure sacre da quel sangue.

Non può allattare il suo secondo bambino perché l'essudazione vi si manifesta dappertutto. Fenomeno vasomotorio che dilatando i tessuti fa uscire il rosso madore ma come spiegare allora il dono dell'ubiquità. Qui, alla presenza di giornalisti e testimoni ,Natuzza Evolo dà la prova di realmente disegnare col sangue. Quelle gocciole scrivono anche parole che Natuzza, analfabeta, non saprebbe tracciare con le mani. Ingenui segni religiosi aprono, tra corone di stelle, la porta del paradiso". Qualche tempo fa abbiamo fatto pervenire il riversamento di questo filmato alla mistica attraverso le mani di P. Michele Cordiano e lei ha potuto così rivedere e rivivere scene, tempi e luoghi lontani oltre sessanta anni. Da anni Paravati è legato al nome di Natuzza, un nome che apre le porte ad un vero e proprio universo di misticismo. Questa di Natuzza sembra una storia lunga e lontana centinaia di anni ed invece ci rendiamo conto che nasce ed inizia nel Novecento e si trova oggi ad essere storia di vita del duemila, storia attuale che, comunque, fuoriesce da ogni tipo di umana visione. Via Umberto I di Paravati, è qui che ha sede una fondazione molto particolare che porta il titolo di "Cuore Immacolato di Maria - Rifugio delle Anime". Abbiamo letto l'atto costitutivo e lo statuto dell'associazione, possiamo constatare che è l'unica associazione al mondo a riportare nel suo atto costitutivo alcune frasi che arrivano direttamente dalla Madonna. Il notaio che a suo tempo ha redatto l'atto passerà certamente alla storia per questo! Arriviamo a Paravati in una giornata di pioggia, i pullman dei pellegrini, parcheggiati lungo la strada a destra e sinistra, arrivano fino a Mileto, che dista alcuni chilometri. La polizia, i carabinieri, i vigili urbani e i numerosi volontari faticano a dare al traffico un indirizzo accettabile e sostenibile. Chiediamo a dei vigili alcune indicazioni per arrivare al centro del paese, ci indicano una stretta stradina di campagna che segue i confini esterni del paese. In piazza la scena che si presenta ai nostri occhi è incredibile: gente, gente, gente… gente dappertutto e ovunque in attesa di vedere Natuzza. Gente richiamata da ogni parte del mondo. Vediamo, tra la folla colorata, alcuni stendardi dei cenacoli di preghiera, uno porta il nome di New York, un altro segna il gruppetto di pellegrini dell'Australia. È impressionante il modo in cui seguono lo sguardo verso questa piccola figura sul palco, una signora con gli occhiali, un poco tremolante, sorretta dal marito e dal figlio.

Natuzza rivolge un saluto alla gente e dice che prega per tutti. Poi dopo la messa, presieduta dal vescovo della diocesi, Natuzza entra in auto scortata dalla polizia di stato di Vibo Valentia e parte verso casa transitando tra due ali di folla immensa. Ci affrettiamo a raggiungere il centro di Natuzza immerso nel verde, assieme a noi migliaia di persone cercano rifugio e ristoro presso il giardino, per continuare a pregare, per mangiare un panino o semplicemente per un attimo di riposo. Decine di volontari offrono aiuto, altri supportano i banchi vendita di souvenir, riviste e pubblicazioni su Natuzza, crocifissi, medagliette ed ogni altro oggetto sacro ed è a questo punto che ci accorgiamo che Paravati è diventato luogo eletto anche per il mercato della fede come era già accaduto per San Giovanni Rotondo, Pompei, Polsi. Ci parlano della fondazione nata in nome di Natuzza e vogliamo approfondire questo interessante aspetto. Dopo un po' entriamo nell'auditorium del centro ed incontriamo il collega giornalista Vincenzo Varone, direttore responsabile della rivista "Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime" ed oggi sindaco della città di Mileto, padre Michele Cordiano e il sacerdote Pasquale Barone, presidente della fondazione. Nella grande sala, intanto, Natuzza è seduta tra la gente in quarta fila, accanto ad un pilastro. La cosa strana è che la gente non si era accorta della sua presenza in platea. Appena questo si realizza tutti si stringono attorno alla mistica di Paravati per salutarla. Ci avviciniamo anche noi, le stringiamo la mano ed è questo un momento emozionante pensando a quelle famose emografie prodotte da quelle mani e riprodotte in migliaia di illustrazioni nei volumi monografici. Natuzza è un personaggio misterioso e straordinario ma nel contempo di una semplicità estrema ed è proprio lei l'ispiratrice di questo grande progetto che si chiama "Cuore Immacolato di Maria -Rifugio delle Anime". Tutto è nato anni fa, precisamente il 4 dicembre del 1986. Natuzza Evolo incontra il parroco e lo sollecita ad occuparsi della realizzazione di un'opera spirituale e sociale nella sua Paravati. "Non è stata una mia volontà", ripeterà più volte Natuzza. "Io sono solo la messaggera di un desiderio manifestatomi dalla Madonna nel 1944, quando è apparsa nella mia casa, dopo che ero andata in sposa a Pasquale Nicolace. Quando l'ho vista, Le ho detto ((Vergine Santa, come vi ricevo in questa casa brutta?)), Lei mi ha risposto: ((Non ti preoccupare, ci sarà una nuova e grande chiesa che si chiamerà "Cuore Immacolato di Maria -Rifugio delle anime" e una casa per alleviare le necessità di giovani, di anziani e di quanti si trovino nel bisogno". "Da allora, ogni volta che io vedevo la Madonna, Le chiedevo quando ci sarebbe stata questa nuova casa, e la Madonna mi rispondeva: ((Ancora non è giunta l'ora)).

Quando l'ho vista nel 1986 mi ha detto: ((L'ora è giunta)). Io, vedendo tutti i problemi delle persone, che non c'è posto dove ricoverarli, ho parlato con alcuni miei amici che conoscevo e con il parroco don Pasquale, e allora loro stessi hanno formato l'Associazione". Sono parole destinate a non conoscere l'usura del tempo ed a restare impresse per sempre nel cuore e nell'anima. Don Pasquale Barone informa il Vescovo del tempo, monsignor Domenico Tarcisio Cortese, di questa richiesta. Da lì a poco, l'Ordinario diocesano dà il suo assenso alla realizzazione del progetto, come strumento operativo di una volontà di Bene. Il cammino è avviato. L'associazione "Cuore Immacolato di Maria - Rifugio delle Anime" nasce ufficialmente nel 1987. Precisamente il 13 maggio, davanti al notaio Nunzio Naso ed alla presenza del Vescovo. Da quel 13 maggio inizia un'esperienza unica e irripetibile, destinata a fare memoria, che in tutti questi anni ha coinvolto migliaia di persone, di ogni età, di ogni luogo, di ogni ceto sociale. Paravati è diventato "il paese dell'anima" con la "Cittadella della carità". "Tutto questo nasce e si sviluppa sotto il carisma di Natuzza che sostiene l'iniziativa con la preghiera, con l'offerta della sofferenza, con la semplicità della vita e con la forza consolatrice della parola".
Franco Vallone

Comments:

There are 2 commenti for Quel filmato del '48 dell'Istituto Luce su Natuzza Evolo

Posta un commento