Domenica 28 marzo a Briatico la Tredicesima edizione della Passione Vivente

Pubblicato da Andrea Satriani | Etichette: , , , | Posted On lunedì 22 marzo 2010 at 1:55 PM

L'Oratorio San Nicola e il Comune di Briatico organizzano, per la giornata del 28 marzo 2010, la tredicesima edizione della "Passione Vivente". Alle ore 13.00 del giorno delle Palme verrà rappresentata l'entrata a Gerusalemme mentre alle ore 19.30, in Piazza IV Novembre, avrà inizio la vera e propria "Passione" che si concluderà nella notte sull'altura denominata Filanda. Il paese di Briatico, negli anni, ha perso tanti antichi rituali della settimana santa e della Pasqua. Sono scomparse vecchie usanze pubbliche legate alla preparazione di pie e campanara, sono sparite le bellissime statue dei giudei con il Cristo, la confraternita dal saio bianco e dal cappuccio nero, i mesti drappi viola davanti ai santi in lutto, i percorsi ritualizzati di Giacomino Melluso insanguinato e sofferente sotto la pesante croce di legno. Tante cose sono andate via dalla nostra Briatico, uomini e cose, gesti e usanze, memoria e identità.
Briatico, da tredici anni a questa parte, cerca di riscrivere le sue strade e le sue piazze in un percorso reinventato per accogliere personaggi e fatti antichi di duemila anni. Tredici anni di storia, che è oggi nuova tradizione, per una Passione Vivente tutta briaticota. Il paese diventa così, ancora una volta, scenario del sacro evento, palcoscenico di rappresentazione sacra. Dagli ulivi secolari, nodosi e arcigni, all'agorà davanti alla chiesa, all'antica Filanda di Solaro, tutte le strade, i vicoli, le piazze diventano gente che segue, insegue e partecipa il rito. Un rituale tirato fuori, sviscerato nella sua memoria, riscritto e gridato dal di sopra dei palchi. La gente, ancora una volta, diventa comunità, il popolo riafferma il valore del sentirsi unito e riunito in una lettura della Passione di Cristo collettiva, alla portata di tutti. Una religiosità e una pietà che solca letture tramandate più colte e liturgie consolidate ma che rielabora, nel racconto presentato a noi paese, una rappresentazione più popolare della storia di Gesù. Briatico partecipa e ripercorre, uno per uno, tutti i segni della Settimana Santa per un senso di testimonianza e partecipazione corale. Il paese "nuovo", per un giorno ancora, si riappropria dei simboli perduti, memoria di tutti, tradizione recuperata e segni riproposti per raccontare a distanza di duemila anni le voci dei soldati, dei giudei, i passi insanguinati del Cristo nella sofferenza da Ecce Homo, le spine acuminate della corona, il simbolico gallo, le fruste e le corde bagnate e altri mille fotogrammi ripresi dalla memoria della nostra fede. Passi ricalcati e rivissuti nelle voci, nelle preghiere, nei grani di rosario, nelle parole, negli sguardi e nella gestualità di questi attori e, per un attimo, sotto le tre croci della Filanda la terra e le pietre di Briatico diventano la terra e le pietre di Gerusalemme.
Franco Vallone

Comments:

There are 0 commenti for Domenica 28 marzo a Briatico la Tredicesima edizione della Passione Vivente

Posta un commento